Milano - Valencia

Il Valencia Basket è caduto sul campo dell’AX Armani Exchange Milan per 95-80. Primo quarto in parità ma la precisione delle scarpette rosse dalla tripla (10/13 nel primo tempo) li ha portati a un parziale di 19- 2 che ha costretto il Valencia ha rincorrere i milanesi per il resto della partita.

Il miglioramento difensivo nel secondo tempo, soprattutto all’inizio dell’ultimo quarto, ha permesso agli uomini di Ponsarnau di abbassare il proprio svantaggio da 24 a 7 punti a sette minuti dalla fine. Ma Milano ha ritrovato la precisione delle proprie guardie e Datome ha spento ogni velleità di reazione degli ospiti. Milano vince con autorità e senza mai soffrire gli avversari. Derrick Williams con 17 punti e Nikola Kalinic con 15 sono stati i migliori dal lato della ospiti.

Le dichiarazioni del coach di Milano

Prima di tutto, ringrazio il Valencia per l’ospitalità che ci ha riservato durante la nostra lunga trasferta di questi giorni. Vorrei davvero fare i complimenti ai miei giocatori perché hanno mostrato concentrazione, fisicità e voglia. dopo quattro o cinque giorni complicati. Ci sono cose più serie nella vita, non è un disastro restare bloccati per strada per qualche giorno, ma era difficile e i giocatori hanno avuto mentalità. Abbiamo mosso bene la palla e abbiamo trovato tanti tiri dall’arco, soprattutto Gigi [Datome] che è stato fantastico. In difesa siamo riusciti a limitare il loro gioco di post-up con [Nikola] Kalinic, che è un incubo. Abbiamo avuto problemi con i falli. Quando il Valencia è arrivato ​​a -9 i miei giocatori erano molto concentrati e hanno iniziato a giocare su entrambi i lati. Abbiamo mosso la palla, fatto dei buoni tiri, buoni passaggi e difensivamente abbiamo ottenuto tanto. Sono molto contento, abbiamo ottenuto la vittoria e quindi andiamo avanti e ci prepariamo per il prossimo match.

Ettore MESSINA, Armani Exchange Milano

Datome su Milano – Valencia

Valencia è una buona squadra. Era normale che non potessero restare sotto di così tanti punti per tutta la partita. Ma noi siamo rimasti calmi e abbiamo continuato a fare il nostro gioco. Abbiamo alzato l’intensità della difesa perché non stavamo giocando con il giusto ritmo. Poi abbiamo continuato a trovare buoni colpi. Questo ci ha dato la vittoria.

Luigi DATOME, Armani Exchange Milano